Inserito in: Approfondimenti
12/05/2014

Ping pong: uno sport diventato mito

Autore: Giorgia Prisco

Qual è lo sport più praticato e conosciuto al mondo? Molti di voi risponderanno "il calcio", ma in realtà lo sport più diffuso al mondo - udite udite - è il ping pong! Già, proprio così: lo sport con la pallina e le racchette che si svolge al tavolo da ping pong e che per molti è soltanto il passatempo della domenica è in realtà l'attività fisica più diffusa sul globo terrestre. Prendete dimestichezza con le racchette da ping pong e potrete sfidare persone di ogni nazionalità!

Scherzi a parte, come è nato il ping pong, come funziona e quali sono i benefici di questo gioco? Approfondiamo questi aspetti!

La storia del ping pong


Il primo tavolo da ping pong fu commercializzato a fine Ottocento, quando comparve il primo tennis da tavolo nel catalogo di prodotti sportivi Ayres. Costruiti prevalentemente in legno e dotati di racchette e palline rudimentali, questi tavoli erano ancora solo una pallida imitazione di ciò che sono diventati oggi. Ciò nonostante, divertivano già migliaia di persone in Inghilterra, Francia e Stati Uniti.

Con l'invenzione delle materie plastiche, il ping pong si sviluppò moltissimo insieme alle racchette e alle palline. Presto, le prime rudimentali attrezzature in legno o sughero vennero sostituite da quelle in gomma, più leggere e maneggevoli. Diventò quindi possibile migliorare il gioco e renderlo sempre più accattivante e divertente.

Nel frattempo, il gioco cominciò ad espandersi in tutto il mondo. I paesi orientali sono famosi per la loro abilità nel gioco del ping pong; è loro l'invenzione dell'impugnatura "a penna", in cui la mano si posiziona in un modo simile a quello in cui si scrive.

In Italia, l'avvento ufficiale del ping pong risale agli anni Sessanta, quando nacque l'organizzazione ufficiale federazione di Tennis Tavolo, che dettò il regolamento diventando presto il punto di riferimento per questo sport.

L'attrezzatura per il ping pong


Fateci caso: il ping pong è uno sport diffusissimo. Ci sono ad esempio tavoli da ping pong nelle palestre scolastiche, negli oratori delle chiese, nelle ludoteche, e sono sempre di più gli appassionati che acquistano un tavolo da tenere in casa o in giardino.

Per giocare a ping pong, in fondo non serve molto. Per cominciare, si tratta di un gioco che richiede un massimo di 4 giocatori (2 per squadra), ma che può essere praticato anche 1 contro 1 o addirittura da soli, contro una parete.

Se guardiamo all'attrezzatura, occorre avere un tavolo da ping pong, delle racchette da ping pong e delle palline. Vediamo n maniera più approfondita quali sono le caratteristiche del tavolo da ping pong.

Le caratteristiche del tavolo da ping pong


Il tavolo da ping pong deve rispettare delle misure regolamentari ben definite. La lunghezza del tavolo deve essere di 274 centimetri, mentre la larghezza di 152,5 centimetri. L'altezza da terra della superficie di gioco è di 76 cm. A metà campo, una rete alta 15,25 centimetri  e che fuoriesce lateralmente dal tavolo per la stessa quantità di cm divide il tavolo nei due campi avversari. Sul campo sono segnati i confini dei due campi, mentre una linea bianca spessa 2 centimetri percorre per intero il perimetro del campo.

Il tavolo da ping pong regolamentare è posto in piano ed è totalmente privo di crepe o avvallamenti, che potrebbero modificare la traiettoria della pallina e rendere molto meno divertente il gioco.

Per quanto riguarda il colore, quest'ultimo deve essere scuro e opaco: solo così, infatti, la pallina sarà visibile e si eviteranno problemi dovuti al riflesso su una superficie lucida. I colori più diffusi di tavoli sono il verde, il blu o il grigio.

Tavoli da ping pong da interno e da esterno


Tutti possono giocare a ping pong: oggi esiste in commercio un'ampia scelta di tavoli da ping pong. Sono famosi i ping pong Kettler e Garlando, sinonimi di qualità e di professionalità, ma i marchi in commercio sono moltissimi e riescono ad accontentare ogni esigenza di budget.

Chi ha intenzione di acquistare un tavolo da tennis deve prima di tutto scegliere se posizionarlo solo all'interno o anche in spazi esterni. 
I tavoli da interno, infatti, non sono assolutamente adatti ad essere posizionati in giardino o in terrazza, perché rsentono della luce, dell'umidità e della pioggia. I tavoli da ping pong da esterno, al contrario, possono essere messi indifferentemente in casa o fuori, purché vengano coperti con un apposito telo in caso di ghiaccio o neve e puliti periodicamente.

I benefici del ping pong


Anche se viene spesso scambiato per un semplice gioco, il ping pong ha in realtà molti effetti positivi per il corpo e la mente. Tanto per cominciare, si può giocare a ping pong a tutte le età, ecco perché questo sport si trasforma in un ottmo "pretesto" per restare attivi anche da piccoli o dopo una certa età!
Tra i benefici del ping pong troviamo:
  • miglioramento dei riflessi 
  • miglioramento delle capacità di coordinazione 
  • rafforzamento della colonna
  • miglioramento dell'umore
  • divertimento e riduzione dello stress
Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza